Home»Attualità»A Canicattì la vendemmia antimafia

A Canicattì la vendemmia antimafia

Pinterest Google+

A Canicattì è iniziata la raccolta di uva da tavola nei vigneti in contrada Vecchia Dama, confiscati alle famiglie mafiose della zona. Il personale della cooperativa sociale “Lavoro e non solo” è giunto da Corleone, dove ha la sua sede legale e operativa, e raccoglierà circa 500 cassette di uva che saranno destinate ai mercati sociali della Toscana ed anche al circuito siciliano di numerose associazioni. Dopodiché si procederà alla raccolta dell’uva da mosto, che frutterà l’ormai famoso vino “Cento passi”, rosso e bianco. La vendemmia antimafia coincide con le manifestazioni organizzate a Canicattì dall’associazione d’impegno civico e antimafia “Tecnopolis” ed “Amici del Giudice Rosario Livatino” per ricordare Rosario Livatino ucciso il 21 settembre 1990, e il giudice Antonino Saetta, ucciso, insieme al figlio Stefano, il 25 settembre del 1988.

Notizia Precendente

Casa museo "Livatino", traguardo mille firme

Prossima Notizia

Agrigento e sviluppo, briefing al Palazzo Filippini