Home»Cronaca»Inchiesta “Firme false” 5 Stelle, indagini concluse

Inchiesta “Firme false” 5 Stelle, indagini concluse

Pinterest Google+

La Procura di Palermo ha concluso le indagini sulle firme false depositate dal Movimento 5 Stelle a sostegno delle candidature per le Comunali del 2012 a Palermo, Sono 14 gli indagati tra cui il deputato nazionale Riccardo Nuti, che nel 2012 è stato candidato sindaco, e le parlamentari Giulia Di Vita e Claudia Mannino. Il procuratore aggiunto Dino Petralia e la pubblico ministero Claudia Ferrari contestano la violazione di una legge regionale del 1960 che recepisce il testo unico nazionale in materia elettorale. Secondo la Procura, Nuti ed un gruppo ristretto di attivisti come Samanta Busalacchi, Giulia Di Vita e Claudia Mannino, dopo essersi accorti che per un errore di compilazione le firme raccolte sarebbero state non utilizzabili, pregiudicando la presentazione delle candidature, avrebbero deciso di ricopiare dalle originali le sottoscrizioni ricevute correggendo il vizio di forma.

Notizia Precendente

"Mandorlo in fiore", presentato il festival "I Bambini del Mondo"

Prossima Notizia

Palermo, scarcerazione presunti mafiosi, ministero avvia ispezione