Home»Senza categoria»Condanne a Sciacca per macabra intimidazione

Condanne a Sciacca per macabra intimidazione

Pinterest Google+

A Sciacca il Tribunale ha condannato al risarcimento del danno di 10mila euro ciascuno due imputati ritenuti responsabili dell’intimidazione con una testa di capretto all’interno di un sacchetto posta la notte del primo marzo 2011 innanzi all’ingresso dello studio dell’ingegnere Michele Buscarnera, in via Lido. Si tratta di Baldassare Giaimo, 57 anni, commerciante, e Giuseppe Gallina, 67 anni, pensionato. I difensori degli imputati e di Buscarnera, costituito Parte civile, sono in contrasto sul contenuto e l’utilizzabilità di un’intercettazione telefonica alla base delle accuse. Ecco perché la difesa dei condannati ha annunciato ricorso in Appello.

Notizia Precendente

Porto Empedocle, inchiesta "Dna", la Cassazione scagiona Romeo

Prossima Notizia

"Relazione Corte dei Conti", l'intervento di Crocetta