Home»Cronaca»Porto Empedocle, inchiesta “Dna”, la Cassazione scagiona Romeo

Porto Empedocle, inchiesta “Dna”, la Cassazione scagiona Romeo

Pinterest Google+

La Cassazione ha annullato la sentenza di condanna a 6 anni di reclusione per associazione mafiosa, inflitta in Appello dopo un rinvio dalla Cassazione, e ha restituito la libertà a Salvatore Romeo, 57 anni, di Porto Empedocle, inquisito nell’ambito dell’inchiesta antimafia cosiddetta “Dna”. Romeo è stato accusato di essere stato parte della famiglia mafiosa di Porto Empedocle nell’interesse di Gerlandino Messina.

Notizia Precendente

La Giunta frena la Finanziaria?

Prossima Notizia

Condanne a Sciacca per macabra intimidazione