Home»Cronaca»Corte dei Conti, da Tutino nessun danno all’Erario

Corte dei Conti, da Tutino nessun danno all’Erario

Pinterest Google+

La sezione giurisdizionale siciliana della Corte dei conti ha rigettato la richiesta di condanna avanzata dalla Procura regionale nei confronti di Matteo Tutino, l’ex primario del reparto di Chirurgia plastica dell’ospedale Villa Sofia a Palermo, imputato dalla Procura di Palermo per operazioni di chirurgia estetica eseguite in ospedale a spese del servizio sanitario perché ritenute funzionali. Il giudice contabile ha affermato di non avere giurisdizione in ordine alla richiesta di condanna perché non sono stati ravvisati gli estremi del danno all’Erario per i compensi percepiti da Tutino dall’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta nel periodo in cui lo stesso è stato dipendente del Policlinico collocato in aspettativa senza assegni. I giudici della Corte dei conti hanno accertato, come è stato dimostrato dagli avvocati Sabrina Donato e Giuseppe Cannizzo, difensori dell’ex primario, che vi è stata una convenzione tra i due ospedali, e che, fino a quando Tutino, prima di essere collocato in aspettativa non retribuita, ha percepito lo stipendio dal Policlinico, l’attività prestata al Sant’Elia è stata a titolo gratuito.

Notizia Precendente

Nello Musumeci replica su "Riscossione Sicilia"

Prossima Notizia

Scambia l'ingresso del condominio per un garage!