Home»Cultura»“Mandorlo in fiore”, la Fiaccolata

“Mandorlo in fiore”, la Fiaccolata

Pinterest Google+

Le fiaccole lungo le strade del centro cittadino di Agrigento infuocano di entusiasmo e partecipazione la 72° edizione del “Mandorlo in Fiore, suggellando e rilanciando il messaggio di pace, amicizia e fratellanza tra i popoli che si è già sollevato martedì scorso dal Tripode acceso innanzi al Tempio della Concordia.
Come secondo tradizione, la piazza Pirandello, innanzi al Municipio, è stata teatro del raduno prima della partenza. E l’attesa è stata vivacizzata dal rullo dei tamburi dei “Tammura di Girgenti”, capitanati da Biagio Licata, miscelando il ritmo folk con le storiche “tammurinate” in onore di San Calogero, candidato bene immateriale dell’Unesco.
Poi, al tramonto, il corteo delle fiaccole ha intrapreso il suo cammino festante, tra due ali di folla altrettanto festanti, accompagnato, tra gli altri, dal sindaco Lillo Firetto, dal direttore dell’Ente Parco Valle dei Templi, Giuseppe Parello, dal prefetto Nicola Diomede, autorità e amministratori, da Via Atenea a piazza Marconi, poi il Viale della Vittoria, la via Crispi, e il ritorno nella piazza antistante la Stazione Centrale tra balli e canti.
Curiosità e apprezzamento particolare è stato rivolto dal pubblico al gruppo proveniente dall’India, con le sue maschere e la danza rituale di Kerala, e poi anche ai costumi colorati della Slovacchia e dell’Iran, la tradizione della Repubblica Ceca e il folklore italiano della Sardegna, il sorriso della Giordania e poi, da ammirare, i gruppi della Lettonia, dell’Albania e della Palestina.
Le Interviste sono in onda oggi 9 marzo al Videogiornale di Teleacras.

Notizia Precendente

Grave intimidazione a vice segretario Comune Montallegro

Prossima Notizia

Porto Empedocle, inaugurata la panchina rossa