Home»Politica»Sanità in Sicilia, 9mila assunzioni

Sanità in Sicilia, 9mila assunzioni

Pinterest Google+

La mappa della nuova rete ospedaliera in Sicilia è stata approvata dai ministeri dell’Economia e della Sanità. Ok, semaforo verde, e nell’Isola sono di conseguenza sbloccate almeno 9mila assunzioni nelle 18 Aziende sanitarie e ospedaliere. Più nel dettaglio, 6.198 sono i posti come infermieri, tecnici e amministrativi. E poi gli altri 3mila sono invece medici. E saranno aggiunti altri posti, tra 300 e 400, per compensare i pensionamenti o per nuovi ruoli professionali come fisici e radiologi interventisti. Tra i medici l’avviso “cercasi” interessa soprattutto internisti, anestesisti, medici di pronto soccorso, ginecologi e pediatri. Tra il personale non medico i più ricercati sono infermieri e operatori socio-sanitari come tecnici di Radiologia capaci di manovrare Tac e Risonanze, e poi ostetrici. All’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento sono in attesa 313 posti per i medici e 458 per altro personale. A Caltanissetta 146 medici e 409 altro personale. A Palermo i medici da assumere all’Azienda sanitaria sono 204, a Villa Sofia – Cervello 141, e al Civico 91. E nelle tre strutture sono bisognevoli anche 1038 infermieri e operatori socio – sanitari. E ancora sono da quantificare le esigenze in pianta organica del Policlinico. Come si procederà? Rispondono l’assessore regionale alla Sanità, Baldo Gucciardi, e il Sottosegretario alla Sanità, Davide Faraone, che spiegano: “Si inizia dapprima con le procedure di mobilità, le stabilizzazioni. Poi i nuovi concorsi saranno il frutto di nuovi passaggi formali come la ridefinizione delle dotazioni organiche delle aziende. Probabilmente, le selezioni vedranno la luce in autunno. Quando saremo a poche settimane dalle elezioni regionali.” E Faraone apprezza: “E’ un’ottima notizia per la Sicilia: finalmente avremo servizi di qualità e all’altezza delle aspettative dei cittadini, una migliore organizzazione delle forze in campo e una distribuzione ragionata delle risorse.” E Gucciardi conferma e rilancia: “Si tratta di un risultato straordinario e sofferto, ma la Sicilia adesso può guardare con grande fiducia al futuro della propria sanità. La certezza è che potremo sbloccare nell’immediato le immissioni in servizio delle professionalità a partire dalle aree di emergenza-urgenza. Questo traguardo complessivamente promuove l’indirizzo tracciato in questi anni, raggiungendo un risultato che viene da lontano e che dimostra oggi che la Sicilia può mettersi alla pari delle Regioni più avanzate dal punto di vista sanitario.”

Notizia Precendente

Al Cupa il Report Sicilia

Prossima Notizia

Messina Denaro operato al volto?