Home»Cronaca»Morto il pentito D’Amato, il “pescatore dell’esplosivo di Capaci”

Morto il pentito D’Amato, il “pescatore dell’esplosivo di Capaci”

Pinterest Google+

E’ morto il pentito di mafia Cosimo D’Amato, il pescatore palermitano che ha svelato quando, dove e come è stato recuperato in mare, tra i residuati bellici, l’esplosivo usato per la strage di Capaci e non solo. D’Amato, condannato in abbreviato a 30 anni di reclusione per l’attentato mortale al giudice Falcone, ha iniziato a collaborare con i magistrati di Caltanissetta nel 2014, da co – imputato dei mafiosi Salvo Madonia, Vittorio Tutino, Giorgio Pizzo, Cosimo Lo Nigro e Lorenzo Tinnirello. D’Amato, che ha confermato il racconto del pentito Gaspare Spatuzza sul coinvolgimento nelle stragi della cosca di Brancaccio, dichiarò di essersi pentito “perchè aveva deciso di cambiare vita”.

Notizia Precendente

Ars, collegato alla Finanziaria rinviato al 4 luglio

Prossima Notizia

Miccichè su ampliamento coalizione centrodestra in Sicilia