Home»Politica»Agrigento e la tassa di soggiorno

Agrigento e la tassa di soggiorno

Pinterest Google+

Anche ad Agrigento si pagherà, tra pochi giorni, la tassa di soggiorno, approvata dal Consiglio comunale lo scorso 2016, e poi congelata a causa del blocco all’istituzione di nuove tasse sancito dalla Finanziaria Regionale del 2016. Adesso, invece, a seguito di una correzione nell’ultima Finanziaria, la tassa potrà essere applicata non già a decorrere dal primo gennaio 2018 ma, come ha deliberato la giunta comunale presieduta dal sindaco Firetto, dal prossimo 15 luglio in poi. Le tariffe sono comprese da 1 euro a 3 euro. E se da un lato dunque l’amministrazione ritiene opportuno che anche ad Agrigento si paghi la tassa di soggiorno, con lo scopo di intervenire in modo significativo sul miglioramento dei servizi al settore turistico e sul decoro urbano in modo da poter rendere più attraente e competitiva la città al pari delle altre mete turistiche, dall’altro lato la Confesercenti ribadisce il suo secco no alla tassa di soggiorno. Ascoltiamo nel merito il presidente Confesercenti, Vittorio Messina.
E gli albergatori e tutti gli altri operatori del settore come hanno reagito? Ascoltiamo nel merito il presidente FederAlberghi, Francesco Picarella, che abbiamo raggiunto al telefono.

Le Interviste al Vg di Teleacras.

Notizia Precendente

Licata, arrestato un bracciante agricolo con oltre 4mila piante di marijuana

Prossima Notizia

Agrigento, Amazon consegna 100 kindle al Comune