Home»Attualità»Sicilia, “rosso fuoco”

Sicilia, “rosso fuoco”

Pinterest Google+

Prosegue e si aggrava l’emergenza incendi in Sicilia.
Sono numerosi i roghi divampati nelle ultime ore che hanno impegnato Vigili del fuoco, operai forestali e uomini della Protezione civile in particolare a Messina, dove ben 14 incendi si sono scatenati sulle colline che sovrastano le abitazioni costringendo diverse famiglie ad evacuare.
“Un attacco ai boschi e all’Isola come non si era mai visto” – dichiara l’assessore regionale al Territorio e ambiente, Maurizio Croce, che aggiunge: “I numeri parlano chiaro: tra il 15 giugno e il primo luglio si sono registrati 1.450 focolai che hanno distrutto 2.300 ettari di boschi e 13mila ettari di terreni e sterpaglie. Ciò significa il 20 % in più, e nessuno mi venga a parlare di autocombustione: 1.400 focolai significa che ci sono state 1.400 persone che hanno attizzato il fuoco”- conclude Croce.
Nell’altro versante, nel centro della Sicilia, la situazione non è migliore. Un incendio di vaste dimensioni è divampato sulla A/19 Palermo-Catania, causando disagi agli automobilisti, che sono rimasti bloccati, perché la polizia è stata costretta a chiudere per qualche ora l’autostrada tra gli svincoli di Caltanissetta ed Enna in tutte e due le direzioni di marcia. E nella notte si sono registrati roghi anche nel Palermitano a Torretta, e nel territorio di Petralia Sottana e Soprana. C
olpita anche la zona dell’Agrigentino, nei pressi di Contrada Tavolacci a Bivona, devastando buona parte dell’area boschiva nei monti San Filippo, Kadera e delle Rose, tra Bivona e Santo Stefano Quisquina. In merito a ciò interviene il vicecapogruppo del Pd, Giovanni Panepinto, già sindaco di Bivona, che chiede all’assessore Maurizio Croce di avviare una verifica e chiedere una relazione dalla quale possano emergere la tempistica e le modalità di intervento autorizzate avviando immediatamente interventi di rinascita del territorio colpito dalle fiamme.

Notizia Precendente

Assenteismo all'ospedale di Ribera, 34 indagati dalla Guardia di Finanza

Prossima Notizia

Nella Valle dei Templi "Archeo Ciak" e il cinema archeologico