Sono stati ufficializzati dalla presidente del Centro culturale Renato Guttuso di Favara, Lina Urso Gucciardino, i nomi degli insigniti dei Riconoscimenti Speciali inseriti nel contesto della 19° edizione del Premio di arte e cultura siciliana “Ignazio Buttitta”. Si tratta di un riconoscimento a donne e uomini di Sicilia che si sono particolarmente distinti nel loro settore lavorativo. Dunque, per l’impegno sociale i Frati Francescani, del Convento Sant’Antonio di Favara, per la letteratura Luisa Trenta Musso, poetessa e critico letterario, per la comunicazione Marco Romano giornalista, direttore del Giornale di Sicilia, per la pittura Rosa Tirrito, per le tradizioni popolari a Carmelo Guarneri, maestro puparo di Agrigento, per il teatro Giugiù Gramaglia, attore di Porto Empedocle, per la musica Giuseppe Francolino, pianista, per l’impegno civile Angelo Vita, presidente Comitato Croce Rossa di Agrigento, per l’ambiente Guido Bissanti, agronomo, per lo sport Calogero Scordino, campione italiano lancio del disco e del martello, e per il linguaggio creativo Salvatore Borsellino, scrittore e video maker. Premio speciale della presidenza al giornalista Angelo Ruoppolo. La consegna dei riconoscimenti si svolgerà giovedì 8 dicembre al Castello Chiaramonte a Favara alle ore 16:30. Inoltre, ancora al Castello Chiaramonte di Favara martedì 28 novembre alle ore 16:30 sarà inaugurata la personale di pittura e scultura dell’artista Rosa Tirrito e del fotografo Maurizio Cacioppo, curata dal pittore Vincenzo Patti. E in serata si svolgerà un incontro sul tema “La scrittura dell’impegno” con la presentazione delle opere di Daniela Spalanca a cura dell’editore Antonio Liotta e dello scrittore Antonio Patti, con le letture affidate all’attrice Lia Rocco e con l’intervento artistico della Fit Ballet. Tante altre sono le iniziative collaterali al premio Buttitta, che saranno annunciate in occasione dei singoli eventi.

Pinterest Google+
Notizia Precendente

Agrigento, chiesta assoluzione per tre impiegati comunali

Prossima Notizia

Mafia, confisca di beni nel Palermitano