In casa, per strada, o su internet, il pericolo di truffe ricorre ovunque. Sono molti i casi, che si sono verificati negli ultimi anni, da Nord a Sud, di gente esperta che, utilizzando ad esempio una falsa divisa da carabiniere o da poliziotto, o fingendosi un tecnico dell’Enel, o ancora un avvocato, hanno ingannato tante persone, soprattutto più anziani, costruendo un principio d’autorità basato sulle parole e sulle millanterie.

Molte campagne informative sono attuate a livello istituzionale ma, purtroppo, i reati non sembrano diminuire. Oggi anche ad Agrigento la Cgil sezione Pensionati, diretta dal dirigente provinciale Vincenzo Baldanza, ha organizzato una giornata di approfondimento e riflessione sulle incombenze che maggiormente interessano gli anziani, tra raggiri, usura, truffe, speculazioni ed educazione finanziaria. All’iniziativa, patrocinata dalla Provincia, hanno collaborato la Cgil agrigentina coordinata da Massimo Raso, la Cgil Fisac bancari, e la Cgil Auser, che è l’associazione della terza età del sindacato, e tra gli altri hanno partecipato il Prefetto di Agrigento Nicola Diomede, i vertici di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Direzione investigativa antimafia, Provveditorato e Inps…interviste al Vg…

Pinterest Google+
Notizia Precendente

Carcere Petrusa Agrigento, aggrediti tre poliziotti penitenziari

Prossima Notizia

Realmonte, arrestato disturbatore della quiete pubblica