Home»Cronaca»La Dia confisca beni per 25 milioni di euro

La Dia confisca beni per 25 milioni di euro

Pinterest Google+

La Direzione investigativa antimafia di Trapani ha confiscato beni per 25 milioni di euro a un imprenditore di Campobello di Mazara, Andrea Moceri, 57 anni, e ai suoi familiari. Lo stesso patrimonio ha già subito il sequestro, anticamera della confisca, nel novembre 2015. A Moceri sono stati imposti anche due anni di sorveglianza speciale. I provvedimenti sono stati disposti in ragione della presunta pericolosità sociale dell’imprenditore, tra operazioni illegali nella commercializzazione di auto, nuove e usate, nell’appropriazione di rilevanti quantità di merci e di denaro contante, nell’assunzione in nero di numerosi lavoratori, e altri in regola costretti ad accettare salari molto più bassi rispetto a quelli risultanti dalle buste paga. Il capitale accumulato, interamente sottratto al fisco, sarebbe stato utilizzato da Moceri anche per praticare l’usura. Il patrimonio confiscato comprende 35 unità immobiliari, tra Campobello di Mazara e Castelvetrano, 35 appezzamenti di terreno, cinque complessi aziendali, quote di partecipazioni in varie società di capitali, numerosi conti bancari e polizze assicurative.

Notizia Precendente

Immigrazione, ancora sbarchi e morti

Prossima Notizia

I Vescovi siciliani contro gli "stipendi d'oro" all'Ars