La Procura della Repubblica di Caltagirone ha impugnato innanzi alla Corte d’Appello di Catania la sentenza emessa lo scorso 4 aprile che, nell’ambito della questione costruzione Muos a Niscemi, ha assolto gli imputati “perché il fatto non sussiste”, ritenendo le opere legittime. In proposito interviene a commento il presidente regionale di Legambiente, Gianfranco Zanna, che afferma: “La Procura di Caltagirone ha ribadito quello che noi diciamo da anni, e cioè che si tratta di un’opera abusiva, perché edificata sulla scorta di provvedimenti amministrativi palesemente illegittimi e come tali disapplicabili dal Giudice penale. Legambiente è sempre stata presente in ogni processo contro il Muos, e continuerà a seguire la vicenda in ogni grado di giudizio. La battaglia non è ancora persa, occorre che la mobilitazione di associazioni e cittadini continui”.

Pinterest Google+
Notizia Precendente

Canicattì, droga e senza patente, batoste per due romeni

Prossima Notizia

Cisl: "Due impianti di compostaggio e 5 discariche pubbliche nell'Agrigentino"