Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, annuncia ricorso contro l’ordinanza del presidente della Regione, Nello Musumeci, che obbliga i comuni a pagare il trasporto dei rifiuti all’estero se non superano il 30 per cento di differenziata. Orlando afferma: “In materia di rifiuti, il governo regionale rischia di essere governato, come sono stati governati i suoi predecessori negli ultimi 20 anni, da una struttura burocratica che ha da un lato ha favorito interessi speculativi più volte posti all’attenzione dell’Autorità giudiziaria e dall’altro ha causato gli enormi e gravi disservizi di cui sono stati e sono vittime i cittadini. L’ordinanza di Musumeci, oltre a essere sbagliata nel merito, contiene diversi profili di illegittimità: basti pensare al fatto che viene chiesto ai Comuni di procedere in soli 15 giorni, in evidente violazione della normativa sugli appalti e quella sull’anticorruzione, alla stipula di contratti per milioni di euro in un quadro del tutto incerto e poco trasparente per quanto riguarda modalità, tempi e costi di smaltimento dei rifiuti.
Se proprio si vuole procedere su questa folle strada, che lo faccia la struttura del commissario per l’emergenza rifiuti Musumeci, assumendosene tutte le responsabilità”.

Pinterest Google+
Notizia Precendente

Tre anni di libertà vigilata alla madre che gettò la figlia nel cassonetto

Prossima Notizia

Firmato accordo che scongiura chiusura Musei nei giorni festivi