Home»Cronaca»Tre anni di libertà vigilata alla madre che gettò la figlia nel cassonetto

Tre anni di libertà vigilata alla madre che gettò la figlia nel cassonetto

Pinterest Google+

A Palermo, al palazzo di giustizia, lo scorso 15 maggio, il Procuratore Generale, Emanuele Ravaglioli, a conclusione della requisitoria, ha chiesto alla Corte d’Assise d’Appello la condanna a 21 anni di carcere a carico di Valentina Pilato, la giovane madre che gettò la figlia appena nata nel cassonetto il 24 novembre del 2014. In primo grado la ragazza è stata assolta perché riconosciuta incapace di intendere e di volere. Ebbene, adesso la Corte d’Appello, presieduta da Angelo Pellino, ha imposto a Valentina Pilato 3 anni di libertà vigilata. Inoltre dovrà proseguire le cure psichiatriche anti-depressive a cui è sottoposta da tempo.

Notizia Precendente

I Carabinieri di Caltanissetta risolvono un omicidio commesso nel '93

Prossima Notizia

Orlando annuncia ricorso contro l'ordinanza Musumeci sui rifiuti