Home»Cronaca»Risolta la vertenza netturbini a Lampedusa e Linosa

Risolta la vertenza netturbini a Lampedusa e Linosa

Pinterest Google+

L’amministratore dell’Iseda, Giancarlo Alongi, annuncia che si è giunti ad una soluzione per la vertenza dei netturbini di Lampedusa e Linosa, da oggi, sabato, nuovamente a lavoro dopo lo stop per protesta contro il ritardo nel pagamento di due stipendi arretrati e della 14esima. La stessa Iseda spiega: “Innanzi al prefetto di Agrigento, Caputo, il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, ha dichiarato di non essere subito nelle condizioni di pagare le fatture arretrate alle imprese della nettezza urbana, che ammontano a 800 mila euro. Anche noi, imprese, abbiamo affermato di non essere più nelle condizioni di anticipare altre mensilità. Poi, a fronte del rischio precettazione dei 16 netturbini a causa delle condizioni igieniche di Lampedusa e Linosa, ci si è accordati in tale modo: subito 500 euro come anticipo della 14esima, e il sindaco Martello ha promesso che lunedì avrebbe pagato una delle fatture arretrate alle imprese, consentendo il pagamento di uno dei due stipendi arretrati ai netturbini. D’accordo, dopo avere parlato con i lavoratori, è stato il sindacalista Usb Aldo Mucci, che ha sostenuto la vertenza”.

Notizia Precendente

Teresa Delisi neo consigliere comunale a Comitini

Prossima Notizia

La Provincia affida l'appalto rifiuti del Comune di Aragona