Home»Cronaca»“Montagna”, indagini concluse

“Montagna”, indagini concluse

Pinterest Google+

La direzione distrettuale antimafia di Palermo ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini a 59 indagati nell’ambito dell’inchiesta antimafia nell’Agrigentino cosiddetta “Montagna”, sfociata nella maxi operazione omonima dei Carabinieri lo scorso 22 gennaio. L’avviso di conclusione delle indagini è l’anticamera della richiesta di rinvio a giudizio. Ai 59 è concessa la facoltà di presentare atti a difesa entro 20 giorni, dopodiché la stessa Procura di Palermo formulerà al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palermo la richiesta di rinvio a giudizio. Le ipotesi di reato contestate sono, a vario titolo, associazione mafiosa, traffico di droga, truffa, estorsione e voto di scambio. Lo scorso 22 gennaio sono stati 56 i mandati di cattura spiccati. Gli arresti avrebbero travolto i vertici dei mandamenti di Cosa Nostra agrigentini, tra Santa Elisabetta e Sciacca, 16 famiglie mafiose della provincia, e anche affiliati delle province di Caltanissetta, Palermo, Enna, Ragusa e Catania. Le indagini avrebbero documentato stretti collegamenti non solo tra agrigentini e i capimafia di quasi tutta la Sicilia ma anche con le ‘ndrine calabresi. E poi un fiorente traffico di droga ed estorsioni a danno di 27 aziende. Il pizzo sarebbe stato preteso anche da due cooperative che si occupano dell’accoglienza agli immigrati richiedenti asilo.

Notizia Precendente

"Lesioni aggravate dall'odio razziale" (video)

Prossima Notizia

"Differenziata", Sicilia al 25%