Il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, interviene a seguito del congelamento del Bando periferie, e quindi anche del “Progetto Girgenti”, ad opera del governo nazionale. Firetto afferma: “L’emendamento al decreto ‘Mille proroghe’ approvato in Senato, con cui si sospende la convenzione firmata con il Governo Gentiloni in dicembre per la riqualificazione delle periferie, mortifica gli sforzi compiuti finora dai Comuni più virtuosi con pesanti ricadute sull’occupazione e sugli investimenti. Per Agrigento significherebbe un taglio indiscriminato a interventi di sicurezza sociale, di riqualificazione e rivitalizzazione capaci di generare investimenti pubblici e privati per complessivi 33 milioni di euro. E si tratta di attività in grado, nel breve termine, di avviare cantieri, e, nel lungo termine, di dare occupazione ai giovani nelle realtà produttive attivate con interventi di rigenerazione urbana. In tutta Italia sindaci di ogni colore politico sono sul piede di guerra e sono pronti a difendere i rispettivi progetti e gli investimenti, il dispendio di tempo e risorse di questi mesi, ma soprattutto un finanziamento già destinato per 1 miliardo e 600 milioni di euro. La Camera con senso di equità e giustizia saprà porre rimedio nell’interesse dei cittadini e in favore di tutte le periferie del Paese”.

Pinterest Google+
Notizia Precendente

Il governo "Blocca Italia" cancella anche il "Progetto Girgenti"

Prossima Notizia

A Porto Empedocle si conclude "Chef per una sera"