Home»Cronaca»L’antimafia e l’antiracket anche senza fondi pubblici

L’antimafia e l’antiracket anche senza fondi pubblici

Pinterest Google+

Nino Randisi
L’associazione nazionale antimafia, antiracket e antiusura “In Movimento per la Legalità”, così come l’associazione anti-estorsioni “Libero Grassi”, ritiene che le attività condotte siano possibili anche senza fondi pubblici. Il presidente nazionale di “In Movimento per la Legalità”, il giornalista Nino Randisi, afferma: “Noi tutt’oggi continuiamo ad operare con le modeste e libere donazioni che provengono sia da privati cittadini che da imprenditori che sposano in pieno i nostri obiettivi, la nostra missione. Siamo convinti, come l’Asaec di Catania, che i finanziamenti statali e regionali dovrebbero essere quasi del tutto destinati a potenziare gli sportelli antiracket ed antiusura presenti nelle Prefetture”.

Notizia Precendente

Saldi in Sicilia, Confesercenti documenta il flop

Prossima Notizia

"Scuola", il Confasi si organizza per lo sciopero del 26 gennaio