Home»Politica»“Finanziaria”, rush o crash finale? (video)

“Finanziaria”, rush o crash finale? (video)

Pinterest Google+

Iniziato il dibattito a Sala d’Ercole su Finanziaria e Bilancio. Musumeci rilancia come indispensabile la rateizzazione del disavanzo. Armao lavora ad un piano B.

Trascorsa la settimana di vacanza, adesso la Finanziaria e il Bilancio della Regione Sicilia, in gestione provvisoria, sono sotto serrato esame dell’Assemblea Regionale. E il rush finale verso l’approvazione, a meno che non si riveli, anziché il rush, il crash finale, ovvero l’impatto letale con l’impossibilità di rateizzare in 30 anni l’intero disavanzo e dunque pagare in 3 anni il residuo non rateizzato, che ammonta a quasi 600 milioni di euro e dunque 200 milioni di euro all’anno a decorrere dal 2019. A Sala d’Ercole il Partito Democratico si è armato fino ai denti scagliando contro la Finanziaria 200 dei 450 emendamenti che sono attualmente discussi. Allo stesso modo si è trincerato sulla linea del fronte il Movimento 5 Stelle. Sarà pertanto una prova non solo di numeri ma, soprattutto, di nervi. E il capogruppo Pd, Giuseppe Lupo, così ha esordito: “Ci opporremo senza tentennamenti a questa finanziaria chiaramente insufficiente, che taglia 191 milioni a settori fondamentali: dal sociale, alla cultura, all’agricoltura, all’antiracket, e che per la prima volta non contiene nessuna somma destinata ad investimenti. E’ una manovra iniqua e priva di qualunque progetto di rilancio della Regione, le cui conseguenze ricadranno su attività produttive, occupazione e sui Comuni che aspettano le risorse necessarie per gli investimenti e per garantire i servizi essenziali ai cittadini e alle imprese”. Ed il deputato 5 Stelle, Stefano Zito, ha rincarato la dose e le sue parole sono state: “Per questa grave crisi, pagheranno le future generazioni, a cominciare dalla mia. Non stiamo facendo altro che certificare che la Sicilia è una regione fallita. Il tutto è condito dalla produttività scadente dell’Assemblea Regionale”. Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ripete: “L’exit strategy (ovvero il piano, la strategia per superare l’ostacolo) non può essere che una e deve darla Roma: far comprendere al governo Conte che i quasi 600 milioni di disavanzo la Regione non può ripianarli in 3 anni ma in 30. Per lo Stato non cambierebbe nulla, ma per molti siciliani sarebbero lacrime e sangue”. Nel frattempo si sussurra che vi sarebbe anche un piano B, a cui sarebbe a lavoro l’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao, sollecitato dallo stesso Musumeci affinchè si riducano i tagli progettati ampliando il ventaglio dei settori dove tagliare e valorizzando altre ipotesi di entrate che finora sarebbero state sottostimate. Infine, non è da escludere il colpo di scena, che tanto colpo non sarebbe perché già utilizzato in altre occasioni, ovvero un maxi emendamento del governo, con la firma “prendere o lasciare”, e su cui si esprimerebbe, come un voto di fiducia, l’intero centrodestra isolando Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, anche se la coalizione di centrodestra in Aula non ha mai brillato per compattezza, semmai il contrario.

Notizia Precendente

Agrigento, disservizi nella differenziata? Telefonate al numero 350 0956371

Prossima Notizia

Cuffaro e "La figlia delle monache"