Home»Politica»No al prelievo forzoso, altrimenti il collasso (video)

No al prelievo forzoso, altrimenti il collasso (video)

Pinterest Google+

Il disastro finanziario delle Province: Musumeci convoca i parlamentari nazionali siciliani. A lavoro su un decreto legge per cancellare o attenuare il prelievo forzoso.


La riforma delle Province è stata tra le più fallimentari della legislatura Crocetta. Gli Enti Locali, definiti Liberi Consorzi di Comuni in modo farsesco perché non hanno ancora consorziato nulla e sono da quattro anni commissariati e retti da commissari della Regione, sono sull’orlo del precipizio del dissesto finanziario. E a Messina, il sindaco Cateno De Luca, che è anche, secondo la riforma, il presidente della Provincia, definita altrettanto in modo farsesco “Città Metropolitana”, ha posto in ferie forzate tutti i dipendenti, circa 800 persone, per mancanza di risorse finanziarie, ed ha minacciato il licenziamento collettivo. Ecco perché il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha ritenuto opportuno convocare a Palermo tutti i parlamentari nazionali eletti in Sicilia affinchè trasferiscano a Roma, allo Stato, il bandolo della matassa alla ricerca di soluzioni, impraticabili da parte della Regione. Allo stesso tavolo, nella Sala Alessi, a palazzo d’Orleans, si sono seduti anche gli assessori all’Economia, Gaetano Armao, agli Enti Locali, Bernardette Grasso, alla Sanità, Ruggero Razza, sindacalisti ed esponenti dell’Anci, l’associazione dei Comuni. Quale è la causa del collasso delle Province? La risposta è il prelievo forzoso, il contributo di risanamento alla finanza pubblica, ovvero i tanti soldi che lo Stato preleva forzosamente annualmente dalle Province per renderle compartecipi del risanamento del debito pubblico. E allora? E allora i soldi del prelievo forzoso superano spesso e in tanti casi i soldi che poi lo Stato e la Regione trasferiscono alle Province. Dunque il saldo è passivo. E quindi? E quindi a Palermo Musumeci ha invitato i parlamentari siciliani ad impegnarsi affinchè a Roma sia predisposto un decreto legge sugli Enti Locali che cancelli o renda meno doloroso il prelievo forzoso. E deputati e senatori, di maggioranza e di opposizione, hanno condiviso e assunto l’impegno a cavalcare la proposta di legge che sarà redatta tecnicamente dall’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao, e che poi sarà presentata ufficialmente da Musumeci. E il presidente della Regione spiega: “Bisogna battersi perché alla Sicilia sia riservato lo stesso trattamento delle altre Regioni d’Italia dove i bilanci delle ex Province godono di un ristoro significativo da parte dello Stato. E’ stata la riforma Delrio a provocare una insostenibile disparità tra Regioni ordinarie e a statuto speciale, vessate dal cosiddetto contributo di risanamento alla finanza pubblica. Le conseguenze di quella che può essere definita una finta riforma sono sotto gli occhi di tutti e non lasciano ulteriori margini di tempo per trovare una soluzione: strade provinciali abbandonate al dissesto, servizi sociali essenziali negati, e stipendi a rischio per i dipendenti: il default è dietro l’angolo anche per le amministrazioni che ancora non lo hanno dichiarato. L’avevano spacciata per una grande riforma e, invece, hanno massacrato Enti che per 160 anni avevano fatto, e anche bene, il proprio lavoro. Il problema si risolve a Roma ed è per questo che ho voluto coinvolgere deputati e senatori siciliani affinché ognuno faccia la propria parte. E’ stato un bel momento di solidarietà istituzionale che, sono certo, troverà un suo riscontro nei fatti”.

Notizia Precendente

Vittorioso in Corte d'Appello l'ex comandante della Polizia Municipale di Camastra Antonio Baldacchino

Prossima Notizia

"Crollo Lo Jacono", chieste 8 condanne