Home»Cronaca»“640”, concretamente dopo Conte e Toninelli (video)

“640”, concretamente dopo Conte e Toninelli (video)

Pinterest Google+

Trascorsa la visita di Conte e Toninelli sulla 640, quali sono adesso le prospettive concrete di lavoro e di pagamento delle imprese impegnate nei cantieri riattivati.


Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il ministro alle Infrastrutture, Danilo Toninelli, hanno visitato a Caltanissetta il cantiere in contrada Bigini appena riattivato dalle imprese creditrici della Cmc di Ravenna nell’ambito della conclusione del raddoppio, atteso entro giugno 2020, della strada statale 640 Agrigento – Caltanissetta. In termini concreti, trascorso l’intervento di Conte e Toninelli, quali sono le prospettive di lavoro e di pagamento dei debiti per le imprese vittime della crisi e dell’accesso al concordato preventivo della Cmc? All’interrogativo rispondono le stesse imprese, che sono un centinaio, e che vantano crediti per complessivi circa 50 milioni di euro. Ebbene, intorno alla metà della prossima settimana, tra il 17 e il 24 marzo, il premier Conte convocherà a Roma il Comitato dei creditori, la Regione e l’Anas. E lo stesso Conte ha confermato che per i lavori futuri, non solo sull’Agrigento – Caltanissetta ma anche sulla Palermo – Agrigento, le imprese saranno pagate direttamente da Anas. Ancora nebulose sono invece le previsioni sul pagamento dei lavori già compiuti. E il Comitato dei creditori della Cmc, a domanda risponde: “Riguardo ai crediti pregressi per circa 50 milioni di euro che vantiamo nei confronti della Cmc in concordato, è intenzione del Presidente del Consiglio ricercare una soluzione con tutte le parti in causa così da completare le due opere in tempi celeri”. A parte la nebulosità di tale risposta, il Comitato dei creditori, in concreto, aggiunge di avere scongiurato Conte ad intervenire sulla Cmc affinchè siano sbloccati i primi 10 milioni di euro che la Cmc si è impegnata a pagare, in mancanza dei quali non è possibile acquistare materiale e operare nei cantieri riattivati lo scorso 28 febbraio. E poi i creditori hanno denunciato a Conte le manovre in corso da parte di speculatori che, promettendo alla Cmc sostanziali ribassi, tentano di sostituirsi a loro nella titolarità delle opere, riaffidandole poi con ulteriori tagli su prezzi e pagamenti. In conclusione il Comitato delle 100 imprese tra affidatarie, subappaltatrici e fornitrici, e i 2.500 dipendenti, ringraziano il premier Conte e il ministro Toninelli per l’attenzione prestata, e ribadiscono: “Il nostro è un problema di tutta la Sicilia. Conte e Toninelli si sono resi conto che i due cantieri dell’Agrigento – Caltanissetta e della Palermo – Agrigento rappresentano attualmente una delle opere più importanti in Italia, che non solo connette velocemente e in sicurezza l’Ovest con l’Est della Sicilia, ma offre anche una funzionale alternativa e via di fuga in caso di interruzioni della vecchia autostrada Palermo-Catania che, dopo il crollo del viadotto Himera ancora non reintegrato, è interessata da un importante piano di manutenzione straordinaria con conseguenti e inevitabili ripercussioni sul traffico. Dunque, è un atto di grande responsabilità politica, oltre che di amore per le nostre martoriate comunità, impegnarsi al loro rapido completamento”.

Notizia Precendente

Accoltellamento mortale ad Alessandria della Rocca

Prossima Notizia

"Mandorlo in Fiore" in consuntivo (video interviste)