Home»Cronaca»A Sciacca ok a riattivazione discarica e impianto di compostaggio

A Sciacca ok a riattivazione discarica e impianto di compostaggio

Pinterest Google+

Musumeci e Cocina
Sarà al più presto riattivata la discarica “Saraceno-Salinella” a Sciacca, dove, contemporaneamente, sarà reso in funzione l’impianto di compostaggio in contrada Santa Maria. Così ha deliberato il dirigente generale del dipartimento Acqua e rifiuti Salvatore Cocina, su disposizione del presidente della Regione Nello Musumeci. La Regione ribadisce che la responsabilità della gestione dei rifiuti e l’allestimento degli impianti è competenza dei Comuni che sono soci della Sogeir, e che avrebbero dovuto esercitare il controllo e vigilare sulla società per la corretta gestione della discarica e dell’impianto di compostaggio. I Comuni devono pagare tutti i servizi alla Sogeir, in crisi finanziaria per i mancati pagamenti. Dunque, sarà emessa un’ordinanza urgente, da parte del sindaco di Sciacca, per l’immediata riattivazione, una volta acquisiti i pareri di Azienda sanitaria e Arpa, della discarica, e poi dell’impianto di compostaggio di contrada Santa Maria. Tale provvedimento consentirà a tutti Comuni di conferire la frazione organica dei rifiuti. Seguiranno altre soluzioni a brevissimo termine, quali l’autorizzazione regionale all’ampliamento dell’impianto di 14mila tonnellate e l’avvio dell’iter per un ulteriore aumento di 100mila tonnellate. La Regione ha, inoltre, recentemente finanziato una vasca da 500mila tonnellate e un impianto di Tmb che consentirà il conferimento dell’indifferenziato, che oggi è trasportato fuori provincia, con il conseguimento di notevoli economie.

Notizia Precendente

A Realmonte taglio del nastro ad una personale di Teresa Lonobile

Prossima Notizia

Omicidio a Belmonte Mezzagno, ucciso un cugino del pentito Bisconti