Home»Flash»Una finale di Champions League che parla inglese per la stagione 2018-2019

Una finale di Champions League che parla inglese per la stagione 2018-2019

Pinterest Google+

Per il calcio internazionale, uno degli appuntamenti più importanti della stagione è sicuramente quello
rappresentato dalla finale di Champions League, che quest’anno vedrà protagoniste due squadre inglesi che
si affronteranno per aggiudicarsi questo trofeo in una serata di grande sport sotto il cielo di Madrid. Un
modo per concludere una stagione sportiva, sicuramente avvincente e ricca di momenti imperdibili e
talvolta imprevedibili, specialmente in ottica di competizioni europee, dove non sono i pronostici sono stati
rispettati.

Un bilancio più che positivo per la stagione di Champions League

Tracciamo quindi un bilancio di questa competizione e andiamo a vedere quello che è stato il cammino
delle due protagoniste finali, che a inizio stagione, a dire il vero, non erano certo state indicate e quotate
come le due squadre che sarebbero arrivate fino alla fine. Tra le due sicuramente aveva più opportunità il
Liverpool di Klopp, che se durante lo scorso anno aveva giocato il ruolo di outsider di lusso, quest’anno si è
confermata anche in Premier League come una delle squadre più competitive a livello europeo, anche se
ancora una volta i Red Devils non sono riusciti a vincere il titolo nazionale, contro un Manchester City più
costante e dirompente. E’ stato comunque un testa a testa emozionante, specialmente per quanto riguarda
le scommesse di serie A che hanno infiammato una stagione sportiva, caratterizzata da
risultati spesso imprevedibili e inusuali, per una prestigiosa e seguita competizione di tipo internazionale.
Ora però riavvolgiamo il nastro e andiamo a rivedere cosa è successo durante questa stagione di
Champions 2018-2019.

Il cammino del Liverpool in Champions League

Già durante il sorteggio si era capito che per il Liverpool di Mané, Firmino e Salah, non sarebbe stato facile
arrivare alla fine di questa competizione, visto che i Red Devils erano capitati, proprio come il Tottenham, in
uno dei gironi più agguerriti e competitivi. Non a caso il Liverpool quest’anno non parte benissimo in
Champions League, arrivando perfino a un passo dall’eliminazione durante la fase a gironi, conquistata solo
nel finale e come seconda classificata dietro al PSG. La formazione inglese aveva battuto in casa, ad Anfield
il PSG, per 3-2, poi però aveva perso in trasferta a Napoli, per 1-0, vinto sempre in casa contro la Stella
Rossa, perso in trasferta contro la squadra di Belgrado, ancora una sconfitta per il ritorno in trasferta contro
il PSG, salvo poi vincere ancora ad Anfield contro il Napoli, chiudendo a pari merito della formazione di
Carlo Ancelotti, ma con una migliore differenza reti. Le cose però andranno diversamente nella fase a
eliminazione diretta, dove il Liverpool è riuscito a superare, a volte in modo clamoroso, squadre come
Bayern Monaco, Porto e soprattutto il Barcellona di Messi, che a inizio stagione era considerato uno dei
club con maggiori possibilità di vincere la competizione.

Il cammino del Tottenham in Champions League

Piuttosto simile e speculare anche il cammino del Tottenham, che già nella fase a gironi aveva incontrato il
Barcellona di Valverde, l’Inter di Luciano Spalletti e il PSV. Superata la fase a gironi gli Sprurs hanno battuto
l’altra squadra tedesca che aveva superato i gironi, cioè il Borussia Dortmund, per poi vincere a sorpresa
contro il Manchester City e ancora in una clamorosa rimonta, passare contro un Ajax che stava
conquistando sempre più consensi e quote per arrivare fino alla fine della competizione.

Notizia Precendente

Duplice impegno formativo per gli Avvocati Tributaristi Agrigentini

Prossima Notizia

Parello (Pensiero Libero) su risultato elettorale di Giorgia Iacolino