Home»Cronaca»Carabinieri segugi fiutano la marijuana e scoprono una casa “stupefacente”

Carabinieri segugi fiutano la marijuana e scoprono una casa “stupefacente”

Pinterest Google+

A Campobello di Licata i Carabinieri hanno scoperto una vera e propria centrale di stoccaggio e smercio di marijuana all’interno di un’abitazione. Si tratta di una casa disabitata da anni e che, molto probabilmente all’insaputa della proprietaria, un’anziana donna residente da tempo nel nord Italia, è stata adibita da ignoti, al momento, a deposito e lavorazione di marijuana di ottima qualità. I Carabinieri sono stati insospettiti e attratti dall’odore caratteristico della marijuana promanato dall’interno dell’abitazione, e che hanno seguito fiutandolo come cani segugi. Il salotto è stato trasformato in locale di stoccaggio della marijuana, con angoli utilizzati per l’essiccazione delle piante. E poi canapa appesa ovunque, sul lampadario, alle pareti, al posto dei quadri, o adagiata sul divano, sul tavolo e su tutta la superficie del pavimento. Sono state contate oltre 100 piante in fase di essiccazione. E poi marijuana già confezionata in grosse buste da 1 chilo e in formati più piccoli, per un totale di quasi 10 chili di sostanza stupefacente già pronta per essere venduta. Oltre alla droga, i Carabinieri hanno sequestrato un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Un video è in onda oggi al Videogiornale di Teleacras.

Notizia Precendente

Il "Re dell'eolico" condannato a 9 anni per concorso esterno alla mafia

Prossima Notizia

Ad Agrigento un incontro sull'architettura fascista in Sicilia e in città