Home»Cronaca»Mannino: “Ribaltato il ‘romanzetto’ di Ingroia e Caselli

Mannino: “Ribaltato il ‘romanzetto’ di Ingroia e Caselli

Pinterest Google+

L’ex ministro Calogero Mannino è intervenuto a “LiveSicilia” a commento delle motivazioni appena depositate alla sentenza di conferma in Appello dell’assoluzione al processo sulla cosiddetta “trattativa Stato – mafia”. Mannino, tra l’altro, ha affermato: “Andando a leggere questa sentenza gigantesca, non per il numero delle pagine ma per la dimensione intellettuale e morale della ricostruzione e dell’interpretazione di fatti e circostanze, si ha proprio la convinzione che finalmente c’è un atto giudiziario sul tema, anche se, per quanto mi riguarda, tutti gli atti giudiziari precedenti erano stati sentenze di assoluzione. Sono stato assolto dall’accusa di 416 bis quattro volte, assolto nelle misure di prevenzione relative sia ad Agrigento sia alla Corte d’appello di Palermo, e sono 6. Due assoluzioni nel processo della tangentopoli siciliana. Due sulla trattativa e sono 10. Due al tribunale dei ministri e sono 12. Tutti i processi secondo me denotano una volontà specifica di qualche pubblico ministero di mettermi sotto accusa ad ogni costo. Questa sentenza, ad esempio, parla di assoluta illogicità, non solo di infondatezza, si parla di accuse incongruenti. Un errore giudiziario che si ripete e che si amplifica. Quando in questa sentenza si dice che l’ex ministro della Dc era una vittima designata della mafia proprio per la sua attività di contrasto a Cosa nostra nel governo del ’91, viene ribaltato il romanzetto che parte da quel libro di Ingroia e Caselli del 1992, “La vera storia d’Italia”, e si ristabilisce, attraverso un esame serrato di tutti gli atti giudiziari, invece, una opposta verità. Il ricorso in Cassazione? La Procura generale di Palermo potrà andare anche in Cassazione. Per quel che mi riguarda non credo che ci siano problemi, dopo due assoluzioni. Poi, se vogliono fare risparmiare soldi allo Stato, visto che ne hanno sprecati così tanti… La sentenza di primo grado era di 800 pagine, ora 1.245 pagine, questi giudici hanno dovuto esaminare una quantità di carte infinite. E lo hanno fatto con estremo scrupolo: questa è una sentenza monumentale. Sui grandi giornali nazionali, come Corriere della Sera e Repubblica, non c’è notizia di questa sentenza. Sono giornali che hanno riservato pagine intere all’accusa e che ora stanno venendo meno al dovere dell’informazione. E questo è determinato da questo combinato circuito mediatico-giudiziario che è un problema politico grave, serio, che un giorno questo Paese dovrà affrontare. Io vedo un ruolo sussidiario di certa stampa rispetto alle azioni giudiziarie”.

Notizia Precendente

In Sicilia stop alla maggiorazione dell'Irpef

Prossima Notizia

Leoluca Bagarella ha morso un agente della Polizia penitenziaria