Home»Cronaca»Omicidio di stampo mafioso a Belmonte Mezzagno

Omicidio di stampo mafioso a Belmonte Mezzagno

Pinterest Google+

A Belmonte Mezzagno, in provincia di Palermo, intorno alle ore 5 del mattino di oggi, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco Agostino Alessandro Migliore, 45 anni, fratello di Giovanni Salvatore, un presunto boss arrestato nell’ambito dell’inchiesta “Cupola 2.0” che ha sventato la ricostituzione della commissione provinciale di Cosa nostra. Giovanni Migliore è ritenuto uomo di fiducia del boss Filippo Bisconti, che fino al dicembre 2018 ha retto il mandamento. Poi Bisconti, dopo l’arresto, ha scelto di collaborare con la giustizia. La vittima, Agostino Alessandro Migliore, ha gestito un supermercato a Belmonte Mezzagno. E’ stato colto sotto casa dai killer, in via Togliatti. E gli hanno sparato prima che entrasse nella sua automobile Audi. A Belmonte Mezzagno il 10 gennaio del 2019 è stato assassinato Vincenzo Greco, il genero del boss Casella. Poi l’8 maggio è stato ucciso il commercialista Antonio Di Liberto, fratello dell’ex sindaco e cugino del pentito Bisconti. Lo scorso 2 dicembre un imprenditore edile, Giuseppe Benigno, è stato ferito con colpi di arma da fuoco mentre è stato alla guida della sua Bmw.

Notizia Precendente

I migranti "Sea Watch" sbarcati a Messina sono in quarantena in una casema

Prossima Notizia

Ad Agrigento “Coronavirus: fra psicosi e fobie collettive, è un’emergenza nazionale?’’