Home»Cronaca»Alta tensione nei centri per migranti della provincia di Agrigento

Alta tensione nei centri per migranti della provincia di Agrigento

Pinterest Google+

Sempre più incandescente la situazione nei centri di accoglienza e per la quarantena da covid in provincia di Agrigento. Basti pensare all’ex Villa Sikania di Siculiana e quello di via Don Luigi Sturzo di Casteltermini. Anche nella struttura “Casa dei gabbiani” in contrada Ciavolotta ad Agrigento si sono registrati, nelle scorse ore, momenti di tensione e apprensione. Prima s’è innescato l’allarme per un extracomunitario ospite che sembrava si fosse allontanato dalla struttura. Un falso allarme però visto che l’immigrato è stato ritrovato nascosto sul tetto della struttura. Sempre durante la notte è scattato un altro allarme perché un altro immigrato stava compiendo atti di autolesionismo. In contrada Ciavolotta è giunta un’autoambulanza del 118 con un medico a bordo. Le escoriazioni sono state quindi medicate e non c’è stata esigenza di trasferire l’immigrato al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio”.

Notizia Precendente

Finita la "fuga d'amore" lampedusana per Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro

Prossima Notizia

Quindicenne scomparsa a Palermo, ritrovata ad Agrigento